E’ tempo di cambiamento, vendi i mobili che non ti piacciono più al mercatino dell’usato.

Il momento giusto per rinnovare l’arredamento.

Durante la giornata capita spesso di osservare l’arredamento di casa e pensare ad un oggetto o ad un mobile in particolare che vorresti cambiare. E’ normale, soprattutto dopo qualche anno , che qualcosa non ci piaccia più. Ed è ancor più normale desiderare che nell’ambiente in cui trascorriamo la maggior parte del tempo tutto debba essere perfetto, rispecchiando quanto più possibile la nostra personalità. Se qualcosa non rispecchia più i nostri gusti tenderemo sempre a notarla. Per ovviare a ciò sarà necessario un rinnovamento dell’arredamento che comporterà ovviamente delle spese. Ma fortunatamente esiste una soluzione per poter rientrare, almeno in parte con le spese: se i mobili o gli oggetti che non ci piacciono più sono in buono stato, non dobbiamo per forza buttarli via. Quello che a noi piaceva fino a poco tempo fa può piacere a qualcun altro, disposto a pagarci per averlo. Esistono dei mercatini dell’usato e in particolare dei mobili usati che permettono di guadagnare qualcosa vendendo oggetti usati, oltre a permettere di liberarci di oggetti che non ci piacciono più.

Come funziona un mercatino dell’usato?

Il funzionamento dei mercatini dell’usato è abbastanza semplice: basta, infatti, portare presso uno dei mercatini l’oggetto che desideriamo vendere ed affidarlo allo staff che si occupa della sua sistemazione e dell’esposizione. Fai molta attenzione che l’oggetto non presenti segni evidenti di usura o imperfezioni. Più le sue condizioni saranno buone e più sarà semplice contrattare un prezzo maggiore! Una volta consegnato l’oggetto, lo staff procederà alla pulizia e alla sistemazione nel reparto più adatto alla sua destinazione. La cura nella presentazione permette ai potenziali acquirenti di farsi immediatamente un’idea su ciò che hanno di fronte, con la possibilità di osservarli e decidere con calma. Una sedia, una lampada o un tavolino che non ci piacciono più possono ispirare un’altra persona, andando subito a far parte dell’arredamento di una nuova casa. I mobili, in particolare, sono fatti per durare a lungo e di conseguenza buttarli via dopo pochi anni rappresenterebbe un vero e proprio spreco. Portare dei mobili usati in un mercatino per poter essere riutilizzati da un’altra famiglia poterebbe almeno tre vantaggi: aiuta l’ambiente; aiuta noi a guadagnare una piccola somma vendendo qualcosa che non utilizziamo più; aiuta la famiglia a risparmiare sull’acquisto di quel mobile.

Il ruolo dei mercatini dell’usato durante la crisi economica.

In un periodo di crisi economica, la mancanza di lavoro e di soldi ha portato conseguentemente ad una riduzione dell’acquisto di mobili nuovi da parte delle famiglie. I mercatini dell’usato vengono incontro proprio a queste famiglie, aiutando anche chi ha minori possibilità a liberarsi di oggetti inutili o ad acquistare mobili a prezzi vantaggiosi.

Perchè portare i nostri mobili usati in un mercatino anzichè venderli on line?

Scegliere di portare un oggetto in un mercatino dell’usato piuttosto che venderlo online consente di avere degli indubbi vantaggi: primo tra tutti il contatto diretto con chi compra, evitando in tal modo truffe e raggiri, ma anche la possibilità di affidare ad altri la gestione della contrattazione e della compravendita: dopo aver affidato il tuo oggetto allo staff, dovrai semplicemente attendere che venga acquistato per ottenere il tuo compenso. Gli operatori si occuperanno di tutto per conto nostro, dalla promozione alla vendita degli oggetti che abbiamo affidato loro.

Mercamondo, il mercatino dell’usato di Firenze.

Uno dei mercatini dell’usato più frequentati d’Italia è il mercatino dell’usato a Firenze, Mercamondo, dove è possibile trovare ogni tipo di oggetto usato: dai mobili usati, ad oggetti per la casa, a piccoli elettrodomestici, cellulari, vestiti, scarpe, accessori e così via. Il tutto ovviamente ad un prezzo molto inferiore rispetto al nuovo. Una delle finalità del Mercamondo è quella di eliminare gli sprechi: un oggetto che non piace o non utilizziamo più non sempre va buttato. Quell’oggetto può avere una seconda possibilità in mano a qualcun altro, ed inoltre ridurremo lo spreco delle risorse e la produzione di sostanze nocive che si sarebbero utilizzate per produrre lo stesso oggetto nuovo. Il Mercamondo potete trovarlo a Firenze in via della comunità europea, 15 a Figline e Incisa Valdarno. Tutte le informazioni le trovate anche sul sito internet dedicato https://mercatinousatofirenze.it. Guardati intorno. Quanti oggetti inutilizzati vedi in casa tua in questo momento? Cosa aspetti a portarli al mercatino dell’usato? Potresti tornare a casa con il portafogli pieno!